gruppofotograficocremonese.it logo

Mostra Gigi Montali

date » 09-05-2022 09:34

permalink » url

mostra_montali_r.jpg

MONDI UMANI

L’uomo nasce nel suo nucleo famigliare ed è naturalmente spinto a formare la propria individualità, così prende lentamente coscienza che i propri genitori sono “l’Altro da sé”.
Appena cammina, l’uomo si pone il problema di trovare il suo posto nella collettività di persone sconosciute in cui si trova vivere. Verso di loro, si sente subito un individuo che inizia la propria esperienza sociale cercando di relazionare con “l’Altro da sé”.

Sentire “l’Altro da sé” è avere la percezione dell’Alterità dell’altro che ci porta a due consapevolezze: l’unicità della propria individualità e il mistero della sfera impenetrabile che ci separa dall’Altro. L’Alterità la “vediamo” nelle infinite forme interiori con le quali essa si manifesta nel nostro animo, secondo di chi s’incontra.

L’antropologo Marc Augè ci illumina in questo processo che contraddistingue l’evoluzione umana, con questa affermazione: La costruzione di Sé attraverso l’incontro con gli altri.
In questa asserzione comprendiamo che la relazione tra l’individuo e la collettività è bidirezionale, l’uno alimenta l’altro e viceversa: se ogni individuo si forma continuamente nell’incontro con gli altri, è anche vero che la sua evoluzione contribuisce all’evoluzione della collettività. Il percorso artistico di Gigi Montali dimostra come lui, innanzitutto, sia una persona che ha espresso con la fotografia il suo incontro con l’Altro, che ha cercato attivamente sia attorno a casa e sia viaggiando in altri continenti.

Quando si visitano altri mondi, vicini o lontani, per poi raccontarli non si è più turisti ma viaggiatori. Il turista “del tocca e fuggi” pratica un contatto superficiale col mondo che resta nella sua mente con ricordi emozionali che col tempo sbiadiscono. Il viaggiatore fotografo è alla ricerca delle cose, dei segni, dei simboli e degli stimoli che conformano nella realtà l’Alterità dell’Umanità indagata. Nelle opere qui presentate, sono narrati diversi generi di Alterità: quella domestica, quella generazionale, quella culturale.

Silvano Bicocchi

Mostra Angela Braga

date » 18-11-2019 10:41

permalink » url

IMG_0636.JPGIMG_0646.JPGIMG_0649.JPGmostra_angela_braga.jpg

mostra Fabio DeGennaro

date » 13-01-2019 08:41

permalink » url

Dal 10 al 20 Gennaio presso il Comune di Cremona , Sala Alabardieri mostra di Fabio De Gennaro " Immagine | Visione "

49210845_581909175564658_6468604236815925248_o.jpg50042805_2306527896258989_694530443941_3088_o.jpg50275201_1167772800055782_4656146596457611264_o.jpg50533101_1167772786722450_7900983964699983872_o.jpg

mostra collettiva GFC 2018

date » 05-12-2018 18:16

permalink » url

Mostra collettiva GFC dal 01/12/2018 al 09/12/2018 in sala Alabardieri del Comune di Cremona

IMG_0175.JPGIMG_0178.JPGIMG_0182.JPGIMG_0184.JPGIMG_0186.JPGcollettiva2.jpg

mostra " Tempus Manet " di Betty Poli

date » 03-09-2018 16:53

permalink » url

Tempus manet: la mostra di Betty Poli
La mostra di Betty Poli evidenzia come con lo scatto fotografico l’attimo, destinato all’oblio, venga catturato. Diverse sono le sue inquadrature che vanno dagli eventi sportivi, alle immagini delle città, dai momenti importanti della vita delle persone, ai panorami. Quello che sempre si coglie è l’ attenzione al particolare che cattura l’attimo e lo immortala. L’esperienza maturata da Betty Poli è ampiamente testimoniata dalla sua presenza in importanti mostre collettive in cui la sua personalità emerge per le sue doti tecniche che ben le consentono di evidenziare la sua sensibilità artistica. Non è un caso che in concorsi Betty Poli abbia riportato significativi riconoscimenti. La sua attività come fotografa professionista si avvale di queste sue doti. Mai banale la sua inquadratura è sempre segno di una forte personalità artistica. Tracciare qui il percorso di Betty sembra pleonastico, perché Ella si lascia conoscere e si svela nelle sue fotografie, quelle immagini che prendono forma certamente dalla sua grande abilità, ma principalmente dal suo mondo interiore: un mondo di donna che custodisce l’amore come il più prezioso fra i sentimenti.

locandina_betty_finita.jpgIMG_20180903_WA0000.jpgIMG_20180903_WA0001.jpgIMG_20180903_WA0002.jpgIMG_20180903_WA0003.jpgIMG_20180903_WA0004.jpgIMG_20180903_WA0005.jpgIMG_20180903_WA0006.jpgIMG_20180903_WA0007.jpgIMG_20180903_WA0008.jpgIMG_20180903_WA0009.jpgR20A6973.JPGR20A6977.JPGR20A6993.JPG

mostra :duemillesimi di natura. Lucia Arrigoni, Giusi Vignali, Germano Coelli

date » 03-09-2018 11:52

permalink » url

Duemillesimi di secondo: il tempo di uno scatto veloce, il tempo rapidissimo in cui occhio. mente e cuore arrivano a catturare l’immagine di un momento unico e irripetibile regalato dalla natura e da modelli tanto straordinari quanto imprevedibili.
Il susseguirsi delle stagioni regala scenari e soggetti ogni volta differenti, paesaggi di gelo e fioriture primaverili fanno da sfondo alla vita quotidiana degli animali che con sguardo sospettoso si concedono all’obiettivo.
Un momento magico arrivato dopo ore di osservazione in pieno inverno a -10° oppure in piena estate a 40°, nascosti in un capanno oppure in fondo a un bosco, vestiti da capo a piedi per proteggersi dagli insetti e diventare invisibili.
La caccia fotografica richiede un grande lavoro di preparazione.
Il soggetto va studiato sotto ogni aspetto, habitat, alimentazione abitudini sociali, tutto ciò che può permettere di cogliere quell’attimo così particolare.
E ci sono le sorprese: il soggetto arriva dalla parte opposta o con la luce sbagliata, non ti deve sentire non ti deve vedere, rimani immobile e studi come sfruttare al meglio la prossima occasione.
E poi lo sguardo fisso verso quel punto preciso: sperando che arrivi in quel dato momento con la luce migliore e lo sfondo perfetto.
Una passione intensa e travolgente che ci spinge ad un impegno costante e straordinario come gli attimi che ci regala la natura.
Ogni foto esposta è frutto di mesi o anni di lavoro e di attesa, ogni foto ha una storia fatta di ricerche, stagioni, profumi e colori diversi, un’emozione catturata in Duemillesimi di secondo che vogliamo condividere con voi.

31301580_2140793586140356_1815209889761329152_n.jpgR20A0638.JPGR20A0640.JPGR20A4711.JPGR20A4719.JPG_DSC9931.jpg_GER6802.jpgcoelli.jpgduemillesimi.jpgduemillesimi_msn.jpggiusi_vignali.jpglucia_arrigoni.jpg

Mostra " Scatole magiche "

date » 04-03-2018 17:41

permalink » url

Il 2 marzo è stata inaugurata, nella sede del Museo di Storia naturale, in Palazzo Affaitati, la mostra dal titolo SCATOLE MAGiCHE: strumenti ed alchimie per creare immagini nella quale saranno esposte oltre ottanta macchine fotografiche che hanno fatto la storia fra la fine dell’Ottocento ed i nostri giorni, accompagnate dall’esposizione di fotografie realizzate nel tempo, poste in relazione con gli strumenti utilizzati.
Alle ore16,00 Giuseppe Begarelli e Giuliano Regis, nella sala Puerari dello stesso palazzo hanno presentto la mostra, raccontando le vicende delle scatole magiche e dei maghi che realizzano le magie. A seguire la visita della mostra.
La mostra, presentata da Gli ex dell’Aselli nell’ambito del ciclo Tra scienza e fantascienza, è curata da Giuseppe Begarelli e Giuliano Regis ed è organizzata in collaborazione con Comune di Cremona, Archivio di Stato, Museo di Storia naturale, ADAFA, Gruppo Fotografico Cremonese, BFI.Adafa e resterà aperta fino al 2 aprile.
Le macchine fotografiche sono state messe a disposizione da collezionisti cremonesi e non.
Sebbene l’idea di una ”camera oscura” sia molto lontana nel tempo partendo dall’osservazione che un soggetto illuminato può riflettere la propria immagine capovolta attraverso un foro sulla parete opposta di una stanza buia, l’aspirazione di poter fissare questa immagine su un supporto stabile, senza disegnarla, fu realizzata nel primo trentennio dell’Ottocento grazie agli esperimenti condotti da una schiera di “alchimisti” mediante prodotti chimici sensibili alla luce.
Nacquero così quelle “scatole magiche” che fissano in breve tempo immagini dei volti o dei luoghi, poi chiamate macchine fotografiche ed i loro prodotti fotografie, figure scritte con la luce. Esse subirono costanti evoluzioni fino ai nostri tempi, diventando anche strumento tascabile di raccolta immediata di memorie con gli attuali smartphone.
Le magie per realizzarsi hanno bisogno di maghi: nel tempo per gli aspetti “alchemici” furono chimici che hanno perfezionato i bagni di sviluppo e stampa per la fotografia tradizionale, definita ora “analogica”, fisici che hanno migliorato gli obiettivi di ripresa, meccanici per la parte costruttiva. Nell’ultimo ventennio , quello della fotografia “digitale”, sono arrivati i maghi dell’elettronica e dell’informatica con la costruzione di pro-grammi di elaborazione dell’immagine di incredibile versatilità.
Ma il mago principale è il fotografo, che in base alla sua capacità e sensibilità creativa può produrre fotografie più o meno belle, più o meno significative.

scatole_magiche8r_mod.jpgCO9A6620.JPGCO9A6586.JPGCO9A6640.JPGCO9A6635.jpgCO9A6630.JPGCO9A6626.JPGCO9A6623.JPGCO9A6624.JPGCO9A6618.JPGCO9A6615.JPGCO9A6610.JPGCO9A6606.JPGCO9A6602.JPGCO9A6594.JPGCO9A6591.JPGCO9A6673.JPGCO9A6681.JPGCO9A6679.JPGCO9A6677.JPGCO9A6675.JPGCO9A6674.JPGCO9A6649.JPGCO9A6667.JPGCO9A6663.JPGCO9A6660.JPGCO9A6655.JPGCO9A6651.JPGCO9A6646.JPGR20A7130.jpgR20A7140.jpgR20A7149.jpgR20A7150.jpgR20A7156.jpg

Mostra " Non solo lino "

date » 19-02-2018 18:44

permalink » url

Mostra fotografica " Non solo lino " che si è tenuta in Sala Alabardieri dal 01/02/2018 al 11/02/2018 con inaugurazione il 4 Febbraio.
Fotografie di Tiziana Coppetti, Alberto Bruschi, Vito Gerevini, Davide Volpi . Realizzate per la maggior parte con la tecnica del Light Painting presso il museo del lino di Pescarolo.

20180129_113057.jpgR20A5430.jpgR20A5434.jpgR20A5436.jpgR20A5437.jpgR20A5438.jpgR20A5441.jpgJM8A5717.jpgR20A5449.jpg_DSC1837.jpg_DSC1828_b.jpgR20A5447.jpgR20A5443.jpgR20A5442.jpg_DSC1838.jpg_DSC1841.jpg_DSC7478.jpg_DSC7482.jpg_DSC7484.jpg_DSC7488_1.jpg_DSC7500.jpg_DSC7501_1.jpg_DSC7505.jpg_DSC7518.jpglocandina_lino.jpg

Mostra Fotografica antologica Carlo Tonetti

date » 27-06-2017 18:19

permalink » url

Mostra fotografica antologica " Luci dell'anima "
di Carlo Alessandro Tonetti
Casa per ferie Mater Dei ; via Trento 16 , Tignale Fraz Gardola ( BS)
9 Luglio / 20 Agosto 2017 orario 17-19
Inaugurazione : Domenica 9 Luglio 2017 ore 17

R20A3000a.jpg

Mostra Fotografica di Carlo Capurso " Pianeta Donna "

date » 27-06-2017 18:28

permalink » url

Mostra Fotografica di Carlo Capurso " Pianeta donna "
dal 17 al 30 Giugno 2017 . orari : 17/19 tutti i giorni escluso lunedì.

mostra_carlo_capurso_1.jpgCO9A3772.JPGCO9A3783.JPGCO9A3796.JPGCO9A3803.JPGCO9A3810.JPGCO9A3815.JPGR20A2496.jpgR20A2499.jpg

search
pages
ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Personalizza / Customize Rifiuta / Reject Accetta / Accept
Link
https://www.gruppofotograficocremonese.it/diario-d

Share link on
Chiudi / Close
loading