Fiorenzo Arcari

Cremona 1939. Dal I960 comincia ad interessarsi di fotografia, poi, affascinato dalle fotografie pro¬venienti da diversi paesi stranieri, ammirate nel Concorso internazionale "Premio Cremona" organizzato dal Gruppo Fotografico Cremonese - ADAFA, verso il 1969 ne diventa socio. Tale inserimento gli da la possibilità di approfondire argomenti di tecnica e di estetica fotografica ed inizia la partecipazione a diversi concorsi, fra i quali si ricordano: Forlì, Bagnacavallo, Mantova, Bergamo, Brescia, Imola, Rimini, Bologna.
Oltre alle mostre sociali del Sodalizio, cui ha sempre partecipato, è da ricor¬dare la mostra allestita insieme a C. Tonetti nel 1980, presso le sale dell'ADAFA, con la presentazione di stampe a colori realizzate personalmen¬te (senza intervento di laboratori).
Su questa mostra si riporta il seguente giudizio, tratto da "La Provincia" del 28/12/1980: Una rassegna di fotografia rivela, infine, quelle che sono le ten¬denze, i gusti, le atmosfere, il clima di una stagione creativa che rapidamen-te si evolve... Il progresso della tecnica e dell'elettronica, il miglioramento qua¬litativo dei mezzi e degli strumenti hanno senza dubbio aperto nuove ed impensate strade un tempo appannaggio di altre Ani.
I temi preferiti, svolti sempre a colori (sia stampe che diapositive) sono: il pae¬saggio padano visto attraverso le tinte delle quattro stagioni e lo sport, spe¬cialmente quello automobilistico; non mancano, però, i ritratti ed in particolare le 'foto di strada", come egli preferisce definirle, cioè immagini 'colte al volo' in occasione di avvenimenti, manifestazioni o feste pubbliche; con una foto di questo tipo ha ottenuto un significativo riconoscimento nel concorso organizzato dal Fotoclub di Treviso, in occasione del raduno degli alpini tenu¬to a Cremona nel 1999.

loading